Logo vene-linfatici.it

Introduzione

Vene

Flebiti e trombosi

Malformazioni venose

Linfatici

Malattie dell’arto superiore

Emorroidi

Altre malattie ano-rettali

Prevenzione

Ultimi aggiornamenti

Sito di informazione sulle
MALATTIE DELLE VENE E DEI LINFATICI

periodicamente aggiornato con le più recenti novità scientifiche internazionali

Con il patrocinio di

Società Scientifiche Italiane
Collegio Italiano di Flebologia

SIFL
Società Italiana di Flebolinfologia

Linee Guida del Collegio Italiano di Flebologia
Sito costruito in armonia con le Linee Guida sull'informazione sanitaria. Art. 55,56,57 del Codice di Deontologia Medica della FNOMCeO 2006.

L'aggiornamento 2013 è visibile seguendo il percorso:
www.collegioitalianodiflebologia.it
Area Medici - Linee Guida.

AUTORE e COORDINATORE

Dr. Prof. Leonardo Corcos

www.corcosleonardo.it
corcosleonardo.md@virgilio.it

Specialista in Chirurgia Generale, Vascolare e D'Urgenza
Professore a contratto - Scuola di Specializzazione in
Chirurgia Vascolare - Università di Sassari e Udine (1994-2010)
Iscrizione all'Ordine dei Medici e Odontoriatri della
Provincia di Firenze n. 04218
INTERVISTE E VIDEO: www.circolazionesangue.com

Malattie Delle Vene



Home Home Home


Home Home Home Home

FAQ


Tutte le risposte alle domande più comuni ed oltre...

- Cosa sono le vene ed i vasi linfatici ?
- Quali sono le cause e come si ammalano ?
- Quali sono le condizioni nelle quali le vene varicose divengono pericolose ?
- Cosa sono le varici ed i capillari, come si studiano e come si curano ?
- Quali sono le nuove tecniche più affidabili ?
- Chirurgia, laser e sclerosanti
- E’ sempre vero che “tanto poi ritornano” ? Le cause di recidiva
- Quali sono le cause delle “gambe gonfie” ?
- Cos’è l’insufficienza venosa cronica ?
- Cosa sono le flebiti e le trombosi e come si curano ?
- Cosa sono le malformazioni venose congenite ?
- Quali sono i metodi diagnostici più avanzati ?
- Cosa sono le ulcere venose ?
- E’ sempre vero che certi casi gravi non sono curabili ?
- Come affrontare le varie complicazioni?
- Cosa sono le emorroidi e quali le complicazioni ? - Quali sono le altre malattie ano-rettali ?
- Quali sono realmente i metodi di cura più stabili e meno dolorosi ?
- Quali gli stili di vita e di alimentazione più idonei per la prevenzione ?


Indice


Per visualizzare le diapositive e consultare i singoli argomenti basta sfogliare il menu a sinistra.
Cliccando le sezioni principali “Introduzione, Vene, Flebiti e trombosi, Malformazioni venose, Linfatici, Malattie dell’arto superiore, Emorroidi, Altre malattie ano-rettali, Prevenzione, Ultimi aggiornamenti“ si potrà accedere ai relativi capitoli.

INTRODUZIONE

Società Scientifiche ed obiettivi
Fonti scientifiche ed mezzi d'informazione
Linee Guida
Introduzione e cenni storici
La circolazione generale
La circolazione venosa
La circolazione linfatica
Epidemiologia e costi sociali nell’Unione Europea
Epidemiologia e costi sociali in Italia
I sintomi e gli inestetismi

VENE

Le cause più comuni delle malattie venose
Le varici (vene varicose)
Varici reticolari e telangectasie (capillari)
Varici recidive
L’insufficienza venosa cronica primaria
La sindrome post-trombotica
Il varicocele maschile e femminile
Altre cause vascolari di infertilità
Altre sedi di malattie delle vene e dei linfatici
Varici e sport
Varici e gravidanza
Diagnosi clinica: la visita specialistica
Diagnostica strumentale di 1° livello
Diagnostica strumentale di 2° livello
Diagnostica strumentale di 3° livello
Diagnostica strumentale in corso di trattamento
La diagnosi di laboratorio
Il percorso diagnostico e terapeutico
Le cure possibili
La terapia farmacologica
la chirurgia delle vene
La chirurgia delle varici
Il laser endovenoso
Il laser endosafenico
Laser e varici periferiche
Laser e ulcere venose
La terapia sclerosante delle varici
La chirurgia delle vene profonde
Gli innesti cutanei
Il trattamento delle varici reticolari e dei capillari

FLEBITI E TROMBOSI

Flebiti, trombosi, embolia
La gamba da aereo
Le false flebiti
Flebiti su vene sane
Diagnostica delle flebiti e trombosi
  Il trattamento di flebiti e trombosi
Malformazioni venose congenite
Cenni ed esempi clinici

MALFORMAZIONI VENOSE

Cenni generali

LINFATICI

Linfedema e cellulite
Diagnostica strumentale La terapia fisica
La terapia compressiva
Elastocompressione
La terapia chirurgica

MALATTIE DELL'ARTO SUPERIORE

Vene e linfatici
Flebiti e trombosi
Malattie linfatiche

EMORROIDI

La malattia emorroidaria
Complicazioni delle emorroidi e ragadi anali
La terapia medica delle emorroidi
La terapia ambulatoriale delle emorroidi
La terapia chirurgica delle emorroidi
Il trattamento delle emorroidi con laser endovenoso

ALTRE MALATTIE ANO-RETTALI

Altre malattie ano-rettali
Il prolasso ano-rettale
La ragade anale
Ascesso e fistole perianali
Tumori benigni e maligni
Malattie infiammatorie

PREVENZIONE

Prevenzione delle malattie
Prevenzione di flebiti e trombosi
Ginnastica
Stili di Vita

ULTIMI AGGIORNAMENTI

Aggiornamenti sulle varici
Aggiornamenti sulle varici recidive
Aggiornamenti sui Laser endovenosi
Aggiornamenti sui Laser nei capillari
Aggiornamenti sulle pressioni venose
A proposito di Sclerosi Multipla
Aggiornamenti sulle indicazioni ai trattamenti
I lLuoghi comuni
Chi è il flebologo
CEAP & Epidemiologia dati 2012
Aggiornamento nelle diagnosi di laboratorio


Per approfondimenti consultare la letteratura Internazionale sul sito Entrez PubMed PUB-MED .

LA CHIRURGIA DELLE VENE PROFONDE - I by-pass

Nelle malattie occlusive (da trombosi stabilizzata) il ritorno del sangue venoso è ostacolato e, quando le cure mediche e fisiche non hanno migliorato i casi più gravi, è possibile eseguire innesti venosi o by-pass (preferibilmente da lato malato a quello sano).
Una malattia occlusiva può essere a lungo controllata con cure mediche e fisiche per favorire la formazione di circoli collaterali spontanei. La chirurgia diviene opportuna in caso di insuccesso a lungo termine.
LA CHIRURGIA DELLE VENE PROFONDE - le interruzioni
Nelle sindromi da ricanalizzazione (la trombosi viene riassorbita e la vena rimane danneggiata) il sangue venoso refluisce (reflusso) e, quando le cure mediche e fisiche non hanno migliorato i casi più gravi e non vi sono le condizioni per interventi ricostruttivi è possibile eseguire semplici interruzioni venose (preferibilmente in presenza di circoli collaterali validi studiati con la diagnosica i 3° livello).
Una malattia da reflusso è più difficilmente controllabile con cure mediche e fisiche a causa della maggiore stasi ed ipertensione venosa. Le ulcere croniche ad essa conseguenti sono più frequenti e ribelli ai trattamenti medico-fisici.
LA CHIRURGIA DELLE VENE PROFONDE - le valvuloplastiche
Nelle sindromi da ricanalizzazione (la trombosi viene riassorbita e la vena rimane danneggiata) il sangue venoso refluisce (reflusso) ed in alcuni casi selezionati dei più gravi, è possibile eseguire interventi ricostruttivi mediante la riparazione micro-chirurgica delle valvole (valvuloplastica esterna o intra-venosa).
Le sedi preferenziali sono la vena femorale comune (1), la v. femorale superficiale (2) e la v. poplitea (3).
La ricostruzione può essere eseguita su valvole sane, ma disfunzionanti, su residui di valvole riparabili o, in assenza completa di valvole (sindrome da avalvulia), con la creazione di nuove valvole. Questi interventi possono riportare la funzione venosa molto vicino alla normalità.
LA CHIRURGIA DELLE VENE PROFONDE - le valvuloplastiche esterne
I lembi valvolari integri e solo allontanati fra loro per una semplice dilatazione della parete venosa. Possono essere riavvicinati fino a recuperare una normale funzione di chiusura con l’applicazione di una protesi esterna circolare(come un piccolo tubo)
Gli interventi possono essere eseguiti su valvole variamente distribuite nelle vene profonde (ed anche in quelle superficiali), se viene dimostrato dagli esami diagnostici che esistono le condizioni per poter prevedere il successo terapeutico.
LA CHIRURGIA DELLE VENE PROFONDE - le valvuloplastiche esterne
Dopo la riparazione le valvole venose impediscono il reflusso del sangue che viene diretto nuovamente verso il cuore. Si riduce la stasi periferica, causa dei sintomi e dei danni dei tessuti, la tendenza progressiva della malattia ed il rischio trombotico.
Gli interventi possono essere eseguiti con diversi materiali sintetici (protesi) e con l’aiuto di piccole suture (cuciture) longitudinali sulla parete venosa esterna nei punti maggiormente dilatati delle valvole.
LA CHIRURGIA DELLE VENE PROFONDE - le valvuloplastiche interne
I lembi valvolari integri, ma solo parzialmente stirati ed allontanati fra loro, possono essere riavvicinati e distesi, fino a recuperare una normale funzione di chiusura con piccole suture.
Nei casi di avalvulia (scomparsa delle valvole) è oggi possibile creare nuovi lembi con i tessuti interni della stessa vena.
Le valvole venose impediscono il reflusso del sangue che viene diretto nuovamente verso il cuore e riducono la stasi periferica, causa dei sintomi e dei danni dei tessuti.
LA CHIRURGIA DELLE VENE PROFONDE – le neovalvole
UN CASO CLINICO: sindrome post-trombotica con ricanalizzazione ed insufficienza della vena poplitea sinistra e verici recidive in paziente già sottoposta ad asportazione della grande safena mediante stripping ed ulcera malleolare persistente da molti anni. Ricostruzione di neovalvola della poplitea e trattamento con laser endovenoso delle varici recidive.